GERMNIA.IT

Bandiera dell'Unione Europea

 

INFO GENERALI

 

DOVE DORMIRE

 

LE CITTA'

 

 

GERMANIA SETTENTRIONALE

 


 

GERMANIA CENTRALE

 

 

GERMANIA ORIENTALE

 

 

GERMANIA OCCIDENTALE

 

 

GERMANIA MERIDIONALE

 

 

 

NOLEGGIO AUTO


 

 

Brema

Germania cenni storici

La Germania è caratterizzata da una storia complessa ed articolata. Sui suoi territori si stanziarono dapprima l'Uomo di Neanderthal (che deve il suo nome appunto alla valle di Neander) e l'Uomo moderno (fra il 40.000 e il 35.000 a.C. circa).

 

Nel 56 a.C. il comandante romano Caio Giulio Cesare attraversò il Reno e raggiunse l’attuale Germania. L’invasione vera e propria iniziò con il generale romano Publio Quintilio Varo. Nel 9 d.C. molti dei possedimenti romani andarono persi: durante la battaglia della foresta di Teutoburgo, l'esercito formato dalla coalizione di alcune tribù germaniche guidate da Arminio principe dei Cherusci ebbe la meglio su 3 legioni romane. Lungo il Reno e il Danubio si stanziarono quindi le tribù germaniche. Già nel III secolo erano presenti Alemanni, Franchi, Chatti, Sassoni, Frisoni, Sigambri e Turingi che gradualmente occuparono anche le terre sotto controllo romano. Diversi regni germanici furono creati anche in Spagna e Francia, ma tra il V ed il VI secolo i Franchi ebbero la meglio sulle altre tribù e arrivarono, nel 496, fino in Svezia, anche se non ruppero il dominio ostrogota nella Germania meridionale. Dal 771 al 814 il re Franco Carlo Magno estese il suo dominio all'Italia settentrionale. L’impero carolingio iniziò così la sua trasformazione in Sacro Romano Impero che sarebbe esistito, in varie forme, fino al 1806 e che fu segnato da grandi ed importanti imperatori (Hohenstaufen e Asburgo in primis).

 

L’Imperium si dissolse a causa delle guerre napoleoniche che portarono l'ultimo imperatore, Francesco II, ad abdicare.



Quando Napoleone fu sconfitto a Waterloo, il Congresso di Vienna del 1815, sotto la direzione del principe austriaco Klemens von Metternich, ridisegnò la mappa dell'Europa e fondò la Confederazione tedesca (Deutscher Bund), formata da 39 stati sovrani. Iniziò un periodo particolare per la storia: tra moti, restaurazione e rivoluzione, nel 1871 la Germania venne unificata come moderno stato nazionale (Secondo Reich) con capitale Berlino. Nel decennio successivo la Germania iniziò ad attuare una politica espansionistica mettendo così le basi di un nuovo grande impero.

 

Nel 1914 la Germania partecipò alla prima guerra mondiale e ne uscì devastata. Costretto a firmare il Trattato di Versailles il Paese visse anni duri. Nel 1919 venne proclamata in tutti gli stati e a livello federale, la repubblica (passata alla storia come la Repubblica di Weimar).

 

Il 27 febbraio 1933, il Reichstag venne dato alle fiamme e Adolf Hitler, allora Cancelliere del Reich, con una legge ad hoc riuscì ad abolire diversi diritti, a prendere potere e a creare uno stato centralizzato totalitario con un unico partito. Dal 1938 Hitler perseguì una politica nazista, nazionalistica ed espansionistica. Il 1º settembre 1939 la Germania invase la Polonia, ma quella che doveva essere una guerra lampo (Blitzkrieg) si trasformò nella seconda guerra mondiale. Gli anni del sanguinoso conflitto furono segnati dalla crudeltà dell’Olocausto: milioni di uomini, soprattutto ebrei, persero la vita in maniera atroce.

 

L'8 maggio 1945, le forze armate tedesche si arresero dopo l'occupazione di Berlino da parte dell'Armata Rossa ed il Paese si ritrovò a pezzi e diviso.



Nel 1949 le zone occidentali, controllate da Francia, Regno Unito e Stati Uniti diedero vita alla Repubblica Federale di Germania (Bundesrepublik Deutschland) con capitale Berlino, mentre le regioni orientali, controllata dai sovietici, crearono la Repubblica Democratica Tedesca (Deutsche Demokratische Republik o DDR), con capitale Bonn. La Germania Ovest riuscì a rialzarsi e a riprendersi economicamente, la Germania Est, invece, conobbe una crisi profonda che spinse molti tedeschi a spostarsi ad occidente. Per fermare questa fuga nel 1961 venne costruito il Muro di Berlino (simbolo della guerra fredda).

 

Il muro crollò nel 1989 ed nell’ottobre del 1990 la Germania venne riunificata, ed unita e compatta divenne protagonista dell’Unione Europea.

 

Muro di Berlino

Condividi

 

La costiera del Portogallo

Germania.it è una realizzazione
Net Reserve srl
Via A. Lamarmora, 22
50121 Firenze
Tel: 055.573331
P.Iva/C.F 02291930481

 

 




STORIA E GEOGRAFIAUn po' di cultura

LINK UTILIPer non perdersi

LUOGHI DA VISITAREPer non perdersi il meglio

GERMANIACosa c'è da sapere